Benvenuto, Ospite Cerca | Discussioni attive | Accedi | Registrati

termocamino
zeno91
#1 Inviato : venerdì 20 settembre 2013 16:53:01
Grado: Classe NC

Iscritto: 20/09/2013
Messaggi: 3
Località: livorno
salve a tutti, devo fare un attestato di prestazione energetica e mi trovo davanti un dilemma, l'abitazione presa in esame è provvista sia di una caldaia a gasolio sia di un termo-camino collegato a tutti i termosifoni e non so se usare solamente una delle opzioni o entrambe, se potessi considerare il termo-camino (poichè è più vantaggioso) come dovrei procedere??
albertop
#2 Inviato : venerdì 20 settembre 2013 17:06:38
Grado: Classe A3


Iscritto: 20/12/2001
Messaggi: 5.625
Località: Bevilacqua, VR
La UNI/TS 11300-4 (paragrafo 8.4.5) prevede questo caso. Questo sistema diventa "bivalente" ed al primo generatore (il temocamino), si dichiara una percentuale massima di utilizzo.
Se è utilizzato MC 11300, inserire due generatori (uno dopo l'altro).
Il termocamino va inserito con "Metodo dei rendimenti precalcolati"; ad un certo punto richiede la "Quota fornita da biomassa [%]". Inserire la quota massima dipendente dal tipo di sistema.
Il generatore a combustione va inserito "normalmente" in sequenza.
Non lavoro più su questo software. Non inviatemi messaggi privati. Per assistenza sul software utilizzate la pagina contatti di questo sito. Grazie. Alberto.
zeno91
#3 Inviato : venerdì 20 settembre 2013 17:29:04
Grado: Classe NC

Iscritto: 20/09/2013
Messaggi: 3
Località: livorno
Io uso come programma il namirial e tra le opzioni ho provato con il cogeneratore ma non penso che comprenda un impianto bivalente a gasolio e legna
.
albertop
#4 Inviato : venerdì 20 settembre 2013 17:44:43
Grado: Classe A3


Iscritto: 20/12/2001
Messaggi: 5.625
Località: Bevilacqua, VR
Cogeneratore assolutamente no! E' tutt'altra cosa. Non ricordo se Termo preveda l'opzione di sistema bivalente con biomassa. E non ricordo neanche se riesca a gestire generatori in sequenza (nel caso potresti provare a dimezzare la potenza del termocamino). In ogni caso, l'unico metodo previsto è quello che ti ho detto io: termocamino (con percentuale di utilizzo) è generatore a combustione in cascata.
Non lavoro più su questo software. Non inviatemi messaggi privati. Per assistenza sul software utilizzate la pagina contatti di questo sito. Grazie. Alberto.
zeno91
#5 Inviato : venerdì 20 settembre 2013 18:09:38
Grado: Classe NC

Iscritto: 20/09/2013
Messaggi: 3
Località: livorno
grazie, proverò a fare come hai detto tu, anche se la percentuale di utilizzo non mi è possibile inserirla nel namirial pochè mi chiede tutti i dati tecnici (pot.utile untile nom, pot. al focolare ecc..) e il tipo di caldaia.
Ingio
#6 Inviato : venerdì 10 ottobre 2014 15:50:11
Grado: Classe F

Iscritto: 25/02/2014
Messaggi: 49
Riapro questa discussione poichè mi è sorto un dubbio, che sicuramente risulterà banale.

Nel caso in cui ho un termocamino ed una caldaia a metano come generatori di un piccolo appartamento, il mio sistema è bivalente indipendentemente dalla potenza del termocamino?

In altre parole, qualora il mio termocamino copra l'intero fabbisogno energetico, posso considerare il sistema di generazione monovalente oppure lo devo considerare bivalente perché è presente anche la caldaia?.
santo
#7 Inviato : venerdì 10 ottobre 2014 15:56:54
Grado: Classe C



Iscritto: 22/03/2013
Messaggi: 332
Località: Roma
Ingio ha scritto:
Riapro questa discussione poichè mi è sorto un dubbio, che sicuramente risulterà banale.

Nel caso in cui ho un termocamino ed una caldaia a metano come generatori di un piccolo appartamento, il mio sistema è bivalente indipendentemente dalla potenza del termocamino?

In altre parole, qualora il mio termocamino copra l'intero fabbisogno energetico, posso considerare il sistema di generazione monovalente oppure lo devo considerare bivalente perché è presente anche la caldaia?.



credo che la percentuale di utilizzo si riferisca al vero utilizzo non alla potenza. Non credo che il termocamino venga acceso sempre durante il periodo di riscaldamento
Ingio
#8 Inviato : venerdì 10 ottobre 2014 17:28:47
Grado: Classe F

Iscritto: 25/02/2014
Messaggi: 49
santo ha scritto:


credo che la percentuale di utilizzo si riferisca al vero utilizzo non alla potenza. Non credo che il termocamino venga acceso sempre durante il periodo di riscaldamento



Innanzitutto grazie per la risposta Santo.

Dunque, in base a queste considerazioni, un sistema termocamino + caldaia è "sempre" bivalente.
albertop
#9 Inviato : venerdì 10 ottobre 2014 17:35:20
Grado: Classe A3


Iscritto: 20/12/2001
Messaggi: 5.625
Località: Bevilacqua, VR
La UNI/TS 11300-4 (8.4.5) sembra (stranamente) chiara:

Sistemi bivalenti o polivalenti: quando l'energia termica utile richiesta dall'edificio è fornita da almeno un generatore a biomasse e da uno o più generatori i cui consumi siano riconducibili a fonti non rinnovabili (combustibili fossili e energia elettrica)

Nel caso di sistemi bivalenti e polivalenti con fluido termovettore acqua (e qui c'è invece l'errore perché il prospetto 23 parla anche di aria ... ma ci sarà una revisione anche della parte 4 ...) la quota di energia utile fornita dai generatori a biomassa non può superare i valori riportati nei prospetti seguenti.
Non lavoro più su questo software. Non inviatemi messaggi privati. Per assistenza sul software utilizzate la pagina contatti di questo sito. Grazie. Alberto.
lbasa
#10 Inviato : sabato 11 ottobre 2014 12:02:38
Grado: Classe B

Iscritto: 12/10/2013
Messaggi: 664
Località: Prato
Ingio ha scritto:
... Dunque, in base a queste considerazioni, un sistema termocamino + caldaia è "sempre" bivalente.

Oppure non lo è (se ci fosse Girondone in linea ... lui che si sveglia la notte pensando agli impianti a biomasse BigGrin ).
L'attuale 11300-4 presume che la bivalenza, in una distribuzione acqua, fra biomassa e fossile avvenga mediante prova dichiarabile: la prova dichiarabile è (espressione da modello termotecnico) l'avere un metodo unico di connessione controllato da regolazione; la connessione (anche accumulo) può essere a livello di edifcio (oops, ora con le nuove 11300 parliamo di fabbricato) o a livello di zona.
Con questa premessa: l'impianto in oggetto è regolato in questo modo?
Ipotesi NO: la caldaia scalda i suoi radiatori ... il termocamino altri ... le regolazioni sono indipendenti ... la bivalenza non c'è (semplicemente perchè non è riproducibile il dichiararla).
Ipotesi SI: le quote di energia da attribuire sono si quelle delle tabelle (per l'acqua) ma sono valori massimi, non stabiliti; lo stabilisce la scelta di impianto e di regolazione.

Ingio
#11 Inviato : sabato 11 ottobre 2014 19:37:12
Grado: Classe F

Iscritto: 25/02/2014
Messaggi: 49
Un grazie ad Alberto e Ibasa per le risposte.

Per Ibasa:

Nel mio caso i radiatori hanno un sistema di regolazione che fa fede alla caldaia.
Successivamente è stato introdotto il termocamino che scalda gli stessi termosifoni con un proprio sistema di regolazione.

Di conseguenza non essendo unico, il sistema di regolazione, non pùò essere considerato bivalente il sistema. Giusto?.
Spero di non essermi perso qualcosa..BigGrin
girondone
#12 Inviato : lunedì 13 ottobre 2014 14:42:52
Grado: Classe C

Iscritto: 25/08/2010
Messaggi: 363
Località: Cairo M.tte
no ho letto tutto
cmq direi
che per la ts pate 4
caminetto ad aria ed imp a rad con caldaia è bivalente
ccon le percentuali indicate a seconda se ci sono o no le vt
poi io ho sempre il dubbio di come " sommare"le percentuali della ts ocn quelle della recc cti sui fattori di conversione
Utenti attivi che stanno consultando questa discussione
Guest
Salta a forum  
Non puoi creare nuove discussioni.
Non puoi rispondere nelle discussioni.
Non puoi cancellare i tuoi messaggi.
Non puoi modificare i tuoi messaggi.
Non puoi creare sondaggi.
Non puoi votare nei sondaggi.

Aermec S.p.A. - P. Iva: 00234050235
Engineered by: Multimedia Technology Department