Benvenuto, Ospite Cerca | Discussioni attive | Accedi | Registrati

Edificio con due unità immobiliari, unico impianto, tipologie di intervento diverse
petronisergio@gmail.com
#1 Inviato : lunedì 21 gennaio 2019 17:39:22
Grado: Classe NC

Iscritto: 21/01/2019
Messaggi: 2
Località: terni
Buonasera.
Sono nel caso indicato dalla faq numero 2.12 del MISE, cioè ho un edificio in cui ho due unità immobiliari, peraltro servite da un medesimo impianto termico e stessi collettori solari per ACS, ma una unità è riconducibile ad ampliamento l'altra a ristrutturazione di secondo livello.
Per ora ho fatto un primo file-relazione unico con due zone una per ogni unità immobiliare, poi da questo ho creato altri due file (copia e incolla del file globale) dove in uno ho lasciato la zona ampliamento e tolto ristrutturazione secondo livello, nell'altro ho lasciato la zona ristrutturazione secondo livello e tolto la zona ampliamento, i dati dell'impianto li ho lasciati invariati nelle due sotto-relazioni rispetto alla relazione sul globale, ho adeguato i dati di superficie utile, disperdente e volume lordo.
Se a livello di fabbisogno di energia termica i risultati vengono mantenuti coerenti, cioè la somma nelle due unità (file) separate torna con il calcolo dell'edificio complessivo, lo stesso non si può dire per i fabbisogni di energia primaria.

Visto che le relazioni come specifica il MISE, vanno tenute distinte, la domanda è: come posso schematizzare al meglio questa situazione con il software?
Grazie,



albertop
#2 Inviato : martedì 22 gennaio 2019 08:22:52
Grado: Classe A3


Iscritto: 20/12/2001
Messaggi: 5.625
Località: Bevilacqua, VR
petronisergio@gmail.com ha scritto:

Se a livello di fabbisogno di energia termica i risultati vengono mantenuti coerenti, cioè la somma nelle due unità (file) separate torna con il calcolo dell'edificio complessivo, lo stesso non si può dire per i fabbisogni di energia primaria.

Ovviamente. Le dispersioni/apporti hanno i medesimi valori perche quello è l'edificio. Dividendolo o separandolo rimane lo stesso. La piccola differenza è probabilmente dovuto al fabbisogno di acs.

petronisergio@gmail.com ha scritto:

Visto che le relazioni come specifica il MISE, vanno tenute distinte, la domanda è: come posso schematizzare al meglio questa situazione con il software?


Dovrebbe essere sufficiente (se non ho capito male la domanda) richiedere il calcolo energetico a livello di zona:

In questo modo si elabora un solo file ed il software si incarica di dividere i fabbisogni nelle due zone. Gli elaborati finali sono 3 (uno per zona e uno per edificio che proabilmente non serve).

petronisergio@gmail.com
#3 Inviato : martedì 22 gennaio 2019 15:51:14
Grado: Classe NC

Iscritto: 21/01/2019
Messaggi: 2
Località: terni
Grazie della risposta pronta ed efficace.
Avevo impostato quel flag sulle due zone, quello che mi mancava era la stampa delle relazioni per ogni zona. Pensavo che avendo impostato nella scheda "pagina iniziale" nella videata "generale" la tipologia di intervento, poi fossi destinato a stampare il modello di relazione coerente con questa scelta iniziale, invece ho notato che dal menu "file - stampa" e dal menu "file - esporta" il sistema fa scegliere per quale nodo (edificio o zona) esportare i risultati. Mi sembra quindi di aver risolto.
Grazie ancora.
Un saluto

Utenti attivi che stanno consultando questa discussione
Guest
Salta a forum  
Non puoi creare nuove discussioni.
Non puoi rispondere nelle discussioni.
Non puoi cancellare i tuoi messaggi.
Non puoi modificare i tuoi messaggi.
Non puoi creare sondaggi.
Non puoi votare nei sondaggi.

Aermec S.p.A. - P. Iva: 00234050235
Engineered by: Multimedia Technology Department